Comune Castel San Vincenzo Soprintendenza per i Beni Archeologici del Molise Università degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli 

Informazioni turistiche  |  Team  |  Contatti  |  Eventi  |  News

 

Itinerario virtuale

Complesso di San Vincenzo Maggiore
Cappella di Santa Restituta

È situata presso l'originaria porta d'entrata laterale alla chiesa. La sua fondazione risale all'ultimo quarto dell'XI secolo, con restauri e aggiunte che prolungano il suo utilizzo anche oltre il momento dell'abbandono definitivo del complesso monastico altomedievale, tradizionalmente collocato nel corso del XII secolo.

Particolare del pavimento
Particolare del pavimento
Interno della cappella
Interno della cappella


Resti del nartece antistante la cappella
Resti del nartece antistante la cappella

Si tratta di un edificio a tre navate e tre absidi, di pianta quasi quadrata. La navata centrale (larga m 4 circa) è separata dalle navatelle (larghe m 2) da quattro coppie di colonne, collocate su plinti. Il presbiterio è sopraelevato di due gradini rispetto alle navate e si conclude con tre absidi poco profonde, secondo la maniera architettonica dell'architettura del primo romanico campano-cassinese dell'XI secolo.

All'esterno, a ridosso della facciata, venne edificato un piccolo nartece, che invade lo spazio della navata settentrionale del San Vincenzo Maggiore, comportandone lo smantellamento dei livelli pavimentali.

La cappella di Santa Restituta fu decorata in maniera assai elegante. Tutta la sua superficie interna venne pavimentata in opus sectile che si conserva ancora oggi per buona parte, secondo uno schema decorativo essenzialmente di tipo geometrico.

Particolare del pavimento
Particolare del pavimento

Questo elaborato pavimento presenta una qualità esecutiva nettamente superiore rispetto a quella della basilica di San Vincenzo Maggiore. Lo schema compositivo è più complesso e rigoroso e tradisce un origine da un cartone predefinito; la lavorazione del marmo è eseguita con maggiore perizia ed anche i massetti pavimentali appaiono migliori per spessore e tenacia.

In definitiva si può sostenere che la cappella fu eretta proprio come memoria del monastero quando si avviarono i lavori per la sua demolizione e riedificazione sulla riva destra del Volturno.

Alessandro Luciano

 

© 2001/18  Università degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli
direzione scientifica a cura di Federico Marazzi - realizzazione e gestione sito web di Giuseppe Cerasuolo
sito conforme agli standard Level Triple-A conformance, W3C-WAI Web ContentValid HTML 4.01!Valid CSS!