Comune Castel San Vincenzo Soprintendenza per i Beni Archeologici del Molise Università degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli 

Informazioni turistiche  |  Team  |  Contatti  |  Eventi  |  News

 

Itinerario virtuale

Complesso di San Vincenzo Maggiore
Atrio

L'avancorpo della basilica
L'avancorpo della basilica
Affreschi all'interno di una sepoltura
Affreschi all'interno di una sepoltura


Sepolture a cassa con piano di deposizione in laterizi forati
Sepolture a cassa con piano di deposizione in laterizi forati

A cavallo tra X e XI secolo alla basilica di San Vincenzo Maggiore fu anteposto un atrio di forma quadrata, circondato da tre ali di portici e scoperto al centro. Il tipo di atrio circondato da bracci porticati, detto in latino "paradisus", è un elemento architettonico di ascendenza paleocristiana che sembra godere di particolare fortuna nell'architettura dell'Europa occidentale in epoca ottoniana.

Il braccio ovest dell'atrio del San Vincenzo Maggiore, quello a ridosso della facciata, fu adibito ad area cimiteriale per la sepoltura dei monaci. File di sarcofagi in lastre di tarvertino vennero sistemati in quest'epoca per ospitare le spoglie di quella parte della comunità vulturnense che aveva ripreso a vivere nell'antico monastero, e vi fu anche ricollocata la tomba di un abate del IX secolo, Talarico, che aveva seguito l'edificazione della chiesa, all'inizio del IX secolo.

L'interno delle casse era intonacato sui lati, e in due casi, relativi a sepolture disposte davanti alla porta d'entrata, sull'intonaco fu anche eseguita una decorazione a fresco riproducente croci e, in un caso, su uno dei lati corti della cassa, un cespuglio fiorito.
Il fondo delle casse è pavimentato con mattoni di recupero che, in alcuni casi, appaiono forati per consentire un rapido deflusso dei liquidi di decomposizione del corpo del defunto e permettere quindi la possibilità di riutilizzare il sepolcro per una seconda deposizione. Il che effettivamente è avvenuto in più casi.

Tomba a cassa
Tomba a cassa
Sepoltura singola
Sepoltura singola


Sotto l'abate Ilario (1011-1044), di fronte all'entrata della chiesa, si costruisce una torre alta intorno ai venticinque metri, probabilmente con funzione di campanile, le cui impressionanti fondamenta, di oltre un metro e mezzo di spessore, sono ancora visibili. La torre era aperta sul davanti da un arco, che permetteva di transitare verso l'entrata della chiesa ed ai suoi lati vengono erette altre due torri, probabilmente più basse.

Questa imponente struttura a tre torri, detta in latino triturrium, ha a sua volta precisi riferimenti nell'architettura delle chiese francesi e soprattutto tedesche del tempo. La moda di rendere più monumentale l'accesso alla chiesa si diffonde anche in Italia in questo periodo. Basti pensare che, grosso modo contemporaneamente a San Vincenzo al Volturno, si costruiscono analoghi avancorpi anche davanti alle chiese dei monasteri di Farfae Subiaco (dove ancora si possono osservare)e a Montecassino.
All'atrio si accedeva mediante una scalinata monumentale di cui resta il primo gradino, costituito da grandi blocchi di marmo romani di riutilizzo.

Alessandro Luciano

 

© 2001/18  Università degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli
direzione scientifica a cura di Federico Marazzi - realizzazione e gestione sito web di Giuseppe Cerasuolo
sito conforme agli standard Level Triple-A conformance, W3C-WAI Web ContentValid HTML 4.01!Valid CSS!