Comune Castel San Vincenzo Soprintendenza per i Beni Archeologici del Molise Università degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli 

Informazioni turistiche  |  Team  |  Contatti  |  Eventi  |  News

 

Progetti di ricerca

Simbologia religiosa in età carolingia: studio di una croce gemmata su supporto pittorico da San Vincenzo al Volturno.

Frammenti: ricomposizione
Frammenti: ricomposizione

A partire dal 1980, l'area archeologica di San Vincenzo al Volturno ha assunto, nell'ambito nazionale ed europeo, un ruolo di primaria importanza, diventando anno dopo anno un imprescindibile punto di riferimento, sia archeologico che artistico. Il sito costituisce, oggigiorno, un vero e proprio unicum, meritando l'appellativo di "Pompei del medioevo".

Una parte consistente del lavoro di ricerca svolto dagli archeologi a San Vincenzo al Volturno, ha interessato lo studio e il riassemblaggio dei frammenti pittorici rinvenuti. La maggior parte di essi proviene dall'US 3149, scavata tra l'estate e l'autunno del 2001, nell'area denominata CL/W, settore nord, ambiente WA.
La ricomposizione in sabbiera di questi frammenti pittorici ha dato come esito la ricostruzione della parte centrale del motivo iconografico di una monumentale croce latina gemmata. La struttura compositiva della croce è ricollegabile al tema iconografico che campeggia nella decorazione dell'altare della Chiesa Sud dell'area conosciuta come San Vincenzo Minore. I bracci della croce ricomposta seguono un andamento rettilineo e ortogonale tra loro, e sono suddivisi in riquadri, al centro dei quali è posizionata longitudinalmente una grossa gemma dalla forma ovale divisa in due metà, colorate rispettivamente in azzurro e rosso scuro. Collocata all'incrocio dei due bracci della figura principale, è raffigurata un'altra croce, questa volta di tipo greco e patente, dal colore dorato, al centro della quale è parzialmente visibile una gemma circolare, o rubino, di colore rosso.

Mosaico da Santa Pudenziana (Roma)
Mosaico da Santa Pudenziana (Roma)

Il tema iconografico della croce gemmata si diffuse rapidamente durante il regno di Costantino I (312-337), assecondando un programma di propaganda iconografica ad hoc. Lo strumento di supplizio cristiano, in questo contesto culturale, si trasforma in emblema della gloria di Cristo.
La ricomposta croce vulturnense è stata messa a confronto con manufatti prodotti attraverso diversi generi artistici (oreficeria, mosaico, pittura, scultura), tra la metà del IV e la prima metà dell'IX secolo, in cui il suddetto motivo decorativo risulta raffigurato. L'indagine comparativa condotta ha permesso di poter definire alcuni importanti aspetti riguardanti non solo la croce vulturnense qui esaminata, ma anche di definire quale significato il tema della croce gemmata abbia assunto nell'ambito della cultura carolingia. In virtù dei confronti effettuati (ad esempio: la croce di Desiderio, il mosaico di S. Pudenziana a Roma e S. Apollinare in Classe a Ravenna, le sculture di S. Salvatore di Brescia, ecc.), si è potuta elaborare un'ipotesi di ricostruzione grafica della ricomposta croce gemmata, immaginando due possibili soluzioni.



Croce di Desiderio
Croce di Desiderio
Mosaico da Sant'Apollinare in Classe (Ravenna)
Mosaico da Sant'Apollinare in Classe (Ravenna)


Ipotesi ricostruttiva della croce patente
Ipotesi ricostruttiva della croce patente

In definitiva, la "nostra" croce gemmata sembra ben inserirsi nel clima di "rinascita" che l'arte carolingia evidenziò fin dai suoi esordi. In modo particolare, l'esemplare vulturnense ci dimostra che, nel riprodurre tale soggetto iconografico, gli artisti carolingi riproposero il marcato rigore compositivo e la minuziosa cura dei particolari decorativi (sia pure con qualche variante prodotta dall'incontro nel corso dei secoli di tradizioni culturali tanto diverse tra loro) che erano stati tra i caratteri precipui degli esempi di epoca tardoantica.

Pasquale Raimo

 

© 2001/17  Università degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli
direzione scientifica a cura di Federico Marazzi - realizzazione e gestione sito web di Giuseppe Cerasuolo
sito conforme agli standard Level Triple-A conformance, W3C-WAI Web ContentValid HTML 4.01!Valid CSS!