Comune Castel San Vincenzo Soprintendenza per i Beni Archeologici del Molise Università degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli 

Informazioni turistiche  |  Team  |  Contatti  |  Eventi  |  News

 

Progetti di ricerca

Dal modello digitale al modello reale. Il progetto per lo studio e la ricomposizione del pavimento in opus sectile della cappella di Santa Restituta (fig. 1)

Il pannello pavimentale centrale in opus sectile della Cappella di Santa Restituta

Fig. 1: Pannello presentato dall'Università degli Studi Suor 
Orsola Benincasa in occasione del convegno tenutosi a Bressanone
Fig. 1: Pannello presentato dall'Università degli Studi Suor Orsola Benincasa in occasione del convegno tenutosi a Bressanone

Il pannello, che occupa l'intera area della navata centrale, è composto da ventisette cerchi annodati, di diverse dimensioni, contenenti dischi bordati da cornici circolari in opus sectile a motivi geometrici. I cerchi, abilmente disposti dal compositore, sono collegati da annodature multiple. Le zone interstiziali tra un cerchio e l'altro sono fittamente campite con opus sectile a piccoli motivi geometrici (figg. 2-5).
I materiali lapidei, chiaramente di reimpiego e caratterizzati da una lavorazione piuttosto accurata, sembrano essere stati collocati in modo da creare effetti cromatici molto contrastati come testimonia l'accostamento tra i porfidi, il giallo antico, il portasanta, l'africano, ma anche tra le pietre calcaree locali appoggiate sia ai marmi bianchi delle fasce e al palombino.

Il pavimento di Santa Restituta presenta somiglianze con alcuni pavimenti bizantini e dell'Italia centro-meridionale, tra cui quello di epoca desideriana della vicina Montecassino. Non si può fare a meno di sottolineare che il pavimento di S. Restituta offre un contribuito significativo per la conoscenza dell'evoluzione tecnica e stilistica delle pavimentazioni marmoree medievali in Italia meridionale.

 

Archeologia e Conservazione

Fig. 2: Pianta del pavimento di Santa Restituta
Fig. 2: Pianta del pavimento di Santa Restituta

L'indagine archeologica svolta in questi ultimi anni dalla Missione universitaria (2000-2001) ha riportato alla luce il piccolo monumento. Le unità stratigrafiche comprese nel perimetro murario hanno restituito numerosi elementi marmorei, integri o frammentari, ormai distaccati e confusi nel terreno, ma che un tempo costituivano il disegno del tappeto centrale e il lastrico delle navate. E' infine riemerso il massetto di allettamento con l'impronta dei sectilia e delle lastre. Alcune di esse attestano il riuso di materiali di spoglio e indicano, in certi casi, la relazione certa e diretta tra reperto e supporto.

Fig. 3: Pavimento di Santa Restituta
Fig. 3: Pavimento di Santa Restituta

La ricerca ha restituito un'opera sufficientemente integra e leggibile, ma distinta in due contesti, quindi fatalmente dissociata, evento che ha indotto gli studiosi e i tecnici ad elaborare un piano di intervento che perseguisse i seguenti obiettivi operativi:

  1. Il restauro del massetto di allettamento e dei resti di pavimentazione distaccati e di quelli ancora presenti in sito.

  2. Il riconoscimento della coincidenza dei sectilia rinvenuti con l'impronta del massetto.

  3. L'elaborazione di un progetto per la ricomposizione del manufatto.

E che avesse le seguenti finalità tecniche, scientifiche e divulgative:

  • L'approfondimento delle conoscenze storico-artistiche e delle tecniche escutive.

  • La definizione di un idoneo metodo di ricomposizione del manufatto pavimentale.

  • L'impostazione di un corretto sistema di fruizione e di valorizzazione del manufatto nel doppio contesto culturale, museale e archeologico.

 

Restauro, Ricomposizione, musealizzazione

Fig. 4: Particolare della pavimentazione
Fig. 4: Particolare della pavimentazione

L' intervento in situ prevede la pulitura e il consolidamento del massetto pavimentale in cocciopesto che risulta diffusamente disgregato, lesionato in più parti e decoeso nelle superfici di contatto con le parti lapidee. In laboratorio verrà invece eseguita la pulitura delle lastre marmoree e dei sectilia superstiti, presenti in sito o recuperati durante lo scavo. I restauri saranno preceduti da una campagna di analisi e di test preliminari eseguti dal Laboratorio delle Tecniche dell'Università, utili al riconoscimento delle cause e degli effetti del degrado e a definire tecniche e materiali idonei da applicare nella cura conservativa.

Se l'intervento in sito e sui sectilia recuperati è riferibile ad una consolidata prassi conservativa, per la ricomposizione si è cercato di definire una metodologia sperimentale, utile a ridurre al minimo l'intervento in situ, a causa dello stato di conservazione e delle condizioni locali del monumento.
Infatti, il massetto, anche se morfologicamente integro, si rivela sensibile a qualsiasi sollecitazione meccanica, il che rende rischiosa la ricollocazione dei reperti marmorei riconosciuti e assolutamente improponibile la ricerca del combaciamento dei reperti decontestualizzati.
Nasce quindi la necessità di elaborare un metodo di ricomposizione che riduca al massimo il rischio ma che al tempo stesso permetta agli operatori di verificare e stabilire l'esatta coincidenza tra reperto e impronta.

Fig. 5: Sectilia rinvenuti in corso di scavo
Fig. 5: Sectilia rinvenuti in corso di scavo

Scartata l'ipotesi limitante di operare su modelli grafici o fotografici e quella di realizzare un calco diretto per ottenere un modello tridimensionale, si è deciso di ricorrere all'applicazione sperimentale di nuove tecnologie per rispondere alle ragioni e alle richieste del progetto di ricomposizione, si è potuto rispondere per mezzo della tecnologia laser scanner 3D e della Prototipazione Rapida con le quali si potrà procedere, secondo uno sviluppo per fasi, alla riproduzione di un calco del massetto, di materiale idoneo e resistente, con caratteristiche morfologiche identiche all'originale. Applicando gli stessi modelli matematici sarà possibile ricavare i modelli dei sectilia perduti andando cosi a reintegrare, come ipotesi sperimentale, le lacune del pavimento marmoreo.

Con l'applicazione di queste metodologie innovative, i cui risultati verranno costantemente verificati in corso d'opera, si potrà riassociare le due unità archeologiche (massetto/sito e reperti lapidei/museo) in un contesto laboratoriale operando così, in termini conservativi, ad una ricomposizione reale su un modello tridimensionale e simulata nelle possibili elaborazioni virtuali, fino al compimento dell'unità materica, estetica ed archeologica del manufatto con la definitiva ricollocazione in situ dei reperti.

 

 

© 2001/14  Università degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli
direzione scientifica a cura di Federico Marazzi - realizzazione e gestione sito web di Giuseppe Cerasuolo
sito conforme agli standard Level Triple-A conformance, W3C-WAI Web ContentValid HTML 4.01!Valid CSS!